VideoDiggaZ.com

Oggi (era ieri, ma fa niente) nasce VideoDiggaZ.com, significa che questo sito ha finalmente un nome di dominio decente, dopo soli 5 anni e quasi 800 articoli pubblicati (anche se più della metà sono #bignette del capo, ma fa niente…).

vdz.com-0-00-00-00

La cosa più figa (forse l’unico motivo per cui ho comprato la cosa, che era in offerta scontata del 60% su SeverPlan) è che finalmente posso personalizzare il tema, e i testi e le immagini vengono mostrate in modo più largo, il che, soprattutto per le #bignette, è una gran cosa!

Direi che d’ora in  avanti i contenuti che saranno creati verranno pubblicati di là, dunque se siete fan di questo sito, se ci seguite, se avete gli aggiornamenti automatici… Beh, andate su  VideoDiggaZ.com e ri-iscrivetevi.

Così dai!

“Il regista” | making of: parte 2

Dopo la prima inquadratura, che stabilisce la location della vicenda (New York), vediamo come si susseguono gli eventi del booktrailer.

cametti_29_booktrailer_taxi1

La seconda e la terza inquadratura, in totale rappresentano una scena unica, mostrano un taxi che si allontana dal centro per avvicinarsi verso una periferia sempre più scura, sempre meno illuminata dalle luci di Manhattan.

cametti_29_booktrailer_taxi2

Questa è realtà è una sorta di licenza poetica, perché in effetti, non avendo letto il libro, non sapevamo effettivamente se un taxi è presente nella vicenda, e in caso se si allontanasse dal centro.

Ho pensato però che poteva benissimo fungere da raccordo: New York è costellata di taxi e potevo sfruttare il movimento di uno di questi per rappresentare l’allontanamento dall’isola più famosa del mondo verso la periferia, non tanto dal punto di vista geografico quanto da quello emotivo; ci allontaniamo da una zona sicura per addentrarci verso le tenebre.

Dopo avere cercato in maniera più o meno sommaria il video di un taxi a New York, sui vari siti di stock, ho capito che non saremmo mai riusciti a trovare la giusta inquadratura, per cui abbiamo scelto di affrontare la cosa da un altro punto di vista, con un’altro approccio.

Abbiamo iniziato a cercare delle fotografie (in creative commons) che rappresentassero New York nella sua zona più famosa e celebre, per esempio Times Square, e poi anche una periferia.

8149641706_edb4d989d5_o

Parallelamente ci siamo mossi per trovare un modello tridimensionale di taxi da poter inserire all’interno di queste fotografie.

Ovviamente le fotografie di partenza erano a colori, e le abbiamo virate immediatamente al bianco e nero per poi aggiungere della grana digitale in modo da fondere video statico con dinamico.

Tra l’altro la grana è stata aggiunta in maniera piuttosto decisa proprio perché dovevamo simulare riprese al buio, dunque con alti guadagni.

Una volta posizionata la fotografia nell’inquadratura siamo passati alla creazione di una telecamera virtuale in modo da fare combaciare l’ambiente e 3D con quello 2D.

Comp 2 (0-00-01-11)

Il taxi in questione è un modello relativamente semplice, oserei dire quasi banale, e con una texture non particolarmente rifinita, motivo per cui abbiamo fatto sì che le ombre inghiottissero quasi del tutto il mezzo per nasconderne le imprecisioni.

8149641706_edb4d989d5_o_W04 (0-00-00-15)

 

 

 

8149641706_edb4d989d5_o_W02 (0-00-00-13)

Nel caso dell’inquadratura in cui il taxi si avvicina abbiamo aggiunto anche le luci dei fari è un lens flare per mascherare maggiormente il modello.

cametti_29_taxiGiallo (0-00-01-11)

Nell’inquadratura in cui il veicolo si allontana non solo abbiamo inserito il canale dell’illuminazione, ma anche generato delle particelle luminose in corrispondenza delle luci di posizione, un primo inizio della serie di strisce di sangue rosso che caratterizzeranno tutto il trailer da qui in avanti.

8149641706_edb4d989d5_o (0-00-00-19)

In modo particolare questa seconda scena prevedeva una fotografia in cui abbiamo dovuto cancellare il soggetto al centro per fornire una direzione percorribile da parte del taxi.

Un grosso incremento del realismo la scena è stato dato aggiungendo una sorgente luminosa esattamente in corrispondenza della luce inquadrata, in modo da rendere più realistico il comportamento dello shader del veicolo.

Schermata 2015-12-02 alle 17.34.30

Notare anche le luci proiettate sull’asfalto dai fari.

Dal punto di vista linguistico l’inquadratura in cui il taxi si avvicina prevede uno zoom all’indietro, la camera virtualmente si allontana dal centro.

E, nell’inquadratura subito successiva invece la camera segue il taxi zumando dentro l’inquadratura, ma questo avvicinamento si chiude con una dissolvenza al nero, un po’ come dire che stiamo seguendo l’auto che si allontana da Manhattan per arrivare in periferia, lontano dalla luce, tuffandosi nelle tenebre.

Vi riproporrei, tanto per fare un po’ di folklore, questa meravigliosa canzone di Bruce Springsteen.

Per questa volta credo che sia tutto, vorrei sottolineare ancora come, nonostante tutte queste inquadrature siano realizzate al 100% in post produzione, si sfruttano comunque i trucchi delle riprese reali, facendo uso dell’illuminazione per attirare l’attenzione dello spettatore verso alcuni elementi e nel contempo distrarlo da altri.

L’impianto stilistico, se non fosse per il bianco e nero, per certi versi vuole omaggiare questo meraviglioso video, realizzato da alcune delle persone che più ammiro nel mio settore: Nocturne, diretto da Vincent Laforet, Stu Maschwitz, and David Nelson:

Arrivederci tra pochi giorni, con altri dietro le quinte del nostro ultimo lavoro.

Dietro le quinte de “Il regista”: prima parte

Come promesso inizio adesso una serie di articoli che illustreranno, più o meno, come siamo giunti alla realizzazione di questo booktrailer:

La primissima inquadratura potrebbe sembrare a prima vista relativamente semplice: si tratta essenzialmente di un opening shot, che fa anche da establishment.

cametti_29_booktrailer_opening.jpg

È un’inquadratura aerea di una città, di una metropoli, e anche se non viene espressamente citato, si lascia intendere che si tratta di New York, non tanto per la forma dei grattacieli quanto perché la città che non dorme mai è proprio quella che più spesso, nel linguaggio e nel meta linguaggio, viene rappresentata con questo tipo di inquadrature da elicottero.

Non disponendo delle riprese della vera New York, abbiamo pensato di creare da zero la struttura cittadina, facendo uso (naturalmente) del package Metropolitan pack di Video Copilot.

Remote Desktop immagine 29 novembre 2015 22.03.28 CET.png

Chi mi segue sarà sicuramente che ho utilizzato molto spesso, alcune volte anche a sproposito, questo pacchetto, ma dato che volevo iniziare con un’inquadratura notturna ho ben pensato che questi palazzi potessero essere ben rappresentati senza una luce dominante.

normals.jpg

In più, dato che lo stile scelto per questo booktrailer era quello essenzialmente grafico, totalmente contrastato, e con solo due colori, abbiamo fatto di necessità virtù e, in parole povere, di tutti i palazzi abbiamo rende rizzato soltanto il canale della luce, ovverosia quello delle finestre.

CanaleLight.jpg

Questo ha consentito, con grande facilità, di non rappresentare una città vera e propria, ma la sua idea, la sua stilizzazione, attraverso un bianco e nero che mostrasse soltanto i punti di luce diretta.

L’inquadratura si apre, tra l’altro, non proprio con una dissolvenza, ma con un effetto di chiave che consente di mostrare tutte queste finestre inizialmente come se fossero dei piccoli puntini luminosi, lasciando quasi ad intendere che si tratta di chi stelle e non di una città.

luciComeStelle.jpg

Un po’ come se invece di guardare dall’alto verso il basso facessimo l’esatto contrario.

Si tratta di un’inquadratura in cui la prospettiva è quella di avvicinamento, la camera, seppur quasi zenitale, si muove in direzione coerente con lo spettatore, e se ci fate caso questa è l’unica scena in tutto il booktrailer in cui questo accade; ma parleremo del linguaggio di queste carrellate, negli articoli futuri.

Per rendere viva la città ho pensato di aggiungere anche le luci del traffico, per cui ho realizzato alcuni elementi di strada con le luci rosse degli stop (o di posizione) e luci bianche per gli illuminatori.

luciDelleAuto.jpg

Se ci fate caso quei puntini rossi sono l’unica nota di colore di questa inquadratura, e non è un caso che il rosso sia fondamentalmente il colore dominante di questo booktrailer, perché anche il colore del sangue, ma anche del pericolo, della soglia di attenzione.

Si tratta pur sempre di un thriller…

Sempre se ci fate caso quelle luci rosse e bianche si muovono leggermente, tra l’altro nemmeno al unisono, un po’ rappresentare (sebbene a rallentatore) l’impressione del traffico cittadino.

carsLight12 (0-00-03-09).jpg

Non so quanto di questo movimento secondario venga percepito razionalmente, ma, soprattutto insieme ai rumori del traffico, secondo me fornisce un buon sostegno alla narrazione empatica.

Quello che ci dice questa inquadratura, tra l’altro relativamente breve (ma si tratta comunque pur sempre di un trailer) è che ci stiamo avvicinando a qualcosa, stiamo entrando, e il luogo in cui tutto quanto avvenga è una grande città, nell’immaginario collettivo l’isola di Manhattan.

Bene, per questa volta è tutto, a risentirci nei prossimi giorni con nuovi articoli che raccontano i retroscena di questo filmato.

Video 2.0: come la produzione di video è cambiata con i social media

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 273 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: