Il mio ultimo spot: Kombat Dragon Revive

Da tanto tempo non mi faccio sentire su questa piazza, e quando lo faccio di solito parlo dei miei due piccoli figliocci: trackSlate e trackFinger.

Oggi però voglio tornare a parlare di spot televisivi e di effetti speciali cogliendo l’occasione per presentarvi l’ultimo spot che ho realizzato: Kombat Dragon Revive.

A prima vista potremmo dire che questo spot è molto simile, se non uguale, agli altri che ho realizzato per la serie Kombat Dragon.

Però, per questo, abbiamo sperimentato delle tecniche nuove che ci hanno consentito di girare tutto lo sport senza dover costruire un diorama con elementi fisici.

La sceneggiatura prevedeva che questi draghi, formati da scheletri, sorgono in un pianeta la cui superficie è completamente costituita da ossa e tedeschi, una landa sterminata di resti animali.

2

12

Ovviamente non saremmo mai riusciti a costruire un diorama costituito da ossa, proprio perché non saremmo riusciti mai a trovarne abbastanza.

Motivo per cui abbiamo deciso di creare un mondo completamente sintetico in cui ossa e tedeschi fossero generate al computer su modelli tridimensionali.

MVI_0279.trm (0-00-03-02)_2 MVI_0279.trm (0-00-03-02)_1 MVI_0279.trm (0-00-03-02)

Per la prima volta, in modo così massiccio, abbiamo girato tutte le sequenze su green screen e poi abbiamo fatto tracking 3D, questo perché lo scopo di tutte le sequenze era quello di effettuare un’estensione del setta massiccia: soltanto il personaggio è reale mentre tutto il resto è sintetico.

Dato che non siamo passati attraverso un programma 3D ma solo con il compositing, abbiamo ricreato le montagne le valli con modelli tridimensionali sui quali abbiamo applicato delle texture realizzate mettendo insieme le fotografie di 50 ossa e tedeschi.

bones texture

Nelle zone più ravvicinate, quelle in cui il soggetto è a contatto con la superficie tridimensionale, invece, ci siamo rivolti a sistemi particellare sui quali abbiamo inserito diversi Sprite.

Ogni sprite è essenzialmente una fotografia di un teschio, di un osso o di un altro tipo di resto e sono costantemente rivolti verso la camera.

MVI_0279.trm (0-00-03-02)_3

Per simulare la luce del sole e i raggi del tramonto, abbiamo effettuato la conversione di oggetti tridimensionali (punti sui quali abbiamo applicato il lens flare) in punti bidimensionali per poter applicare effetti non 3D.

Prima e dopo Trapcode Shine
Prima e dopo Trapcode Shine

Come sempre, per mio stile personale, ho cercato quanto più possibile di utilizzare degli oggetti reali compositandoli in un mondo 2.5D, perché quanto più gli oggetti sono veri tanto più l’ambiente diventa verosimile (per quanto possa essere verosimile un mondo popolato da draghi scheletro).

promo_kdr_01.rtm (0-00-01-10)

Un’ultima nota vorrei che fosse dedicata alla sequenza finale, un unico piano sequenza in cui abbiamo una ripresa di un drago che si trova sulla cima di una collina, che poi si dissolve nella lo stesso drago sul braccio dell’attore bambino.

A questo punto c’è uno stacco, l’attore abbassa il braccio (tra l’altro una ripresa effettuata al contrario) e poi, sempre di continuo, questo drago “esplode” e poi “implodere” nella confezione che poi va a finire insieme ad altre 11 nell’espositore.

promo_kdr_pezziSiCompongono (0-00-00-04)promo_kdr_packshot (0-00-03-05)promo_kdr_packshot (0-00-03-11)

Questa sequenza mi ha fatto venire davvero il mal di testa per l’insieme di elementi dei quali è composta.

Sarebbe interessante, per voi, che mi raccontassi come sono riuscito a fare esplodere e implodere il drago, ma forse, questa volta, mi tengo questo piccolo segreto per me, un cuoco non può spiegare ogni singolo particolare delle proprie ricette, no?

Ok, ok, adesso so che sto per passare per stronzo, per cui vi rassicuro: si tratta di qualcosa di molto più semplice di quanto possa sembrare e l’esplosione e l’implosione sono essenzialmente realizzati con espressioni che fanno portare un pezzo da un punto verso un altro punto, facendogli compiere un arco “pesato”sulla base del tempo trascorso (qualche fotogramma, dato che si tratta di una sequenza molto veloce).

Schermata 2014-05-09 alle 17.23.56

Questo credo che la cosa più interessante di tutto questo lavoro, sia comunque l’integrazione di oggetti reali bidimensionali tirati su green screen e l’estensione del set in tre dimensioni in modo da inserire le miniature in un diorama completamente sintetico.

MVI_0279.trm (0-00-02-18) MVI_0279.trm (0-00-02-18)_1 MVI_0279.trm (0-00-02-18)_2

O forse, forse, la cosa più interessante di questo sport è la sua “forza”, perché, pur essendo una pubblicità per bambini, mostra sangue, morte e distruzione

Come vi ho detto sempre, forse io non sono un regista di spot televisivi, semplicemente creo dei trailer cinematografici di prodotti che si vendono nei negozi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...