Il futuro di PodCleaner

Mi sembra strano parlare del futuro di un’applicazione quando non è nemmeno uscita la sua primissima versione, ma mi piacerebbe condividere con voi quella che, nella mia testa, sarebbe una ideale road map per questo software.

Oggi

Al momento attuale ho quasi terminato di sviluppare le feature per la prima versione che contiamo di mettere in vendita questo autunno, è però torno intendo dire l’inizio e non dicembre…
L’unica cosa veramente “grandi” che manca è la possibilità di caricare diversi tipi di file, e non solo Wave mono.

podcleaner_mainInterface2file (0-00-00-00)

La prima versione del commercio consentirà anche di sincronizzare fino a tre file (una volta che ho capito come fare, probabilmente da quattro in su non sarà un problema, ma per adesso mi mantengo sul facile).

Un’altra feature che mi piacerebbe inserire nella prima versione è quella che, una volta terminata l’elaborazione, invia un’email a indicando che tutto è stato fatto.

podcleaner_preferences (0-00-00-00)

Diciamo che si tratta di una feature utile ma non necessaria, per cui, eventualmente, verrà implementata in una versione successiva, tipo la 1.1.

podcleaner_mainInterfaceSiglefile (0-00-00-00)

Sempre per la versione 1.1, non mi dispiacerebbe inserire anche un qualche strumento che consentisse di ricavare in modo autonomo il livello di rumore di fondo, quando lo speaker non parla.

PodCleaner II

Oltre a consentire la sincronizzazione di infiniti file (non fermandosi a tre), penso che potrei PodCleaner 2.0 potrebbe risultare un prodotto più completo se consentisse di realizzare una puntata dall’inizio alla fine.

IMG_1454

Dopo avere registrato la voce, PodCleaner potrebbe consentire l’aggiunta di una sigla iniziale, di quella sigla finale, eliminare eventuali errori di registrazione, aggiungere degli stacchi, una musica di sottofondo ed infine produrre il risultato finale.

Per questa versione mi piacerebbe tanto riuscire a trovare il modo di realizzare una, seppur primordiale, riduzione del rumore.

Gli algoritmi di riduzione del rumore si basano essenzialmente sull’analisi del “silenzio”, ovvero sia del rumore di fondo comunque presente nel luogo di registrazione quando la persona non parla.

In linea teorica la cosa è relativamente semplice: si tratta di un semplicissimo noise gate che lavora a diverse bande di frequenza, per cui occorre effettuare la conversione nel dominio delle frequenze con una trasformata veloce di Fourier (FFT).

Facile a dirsi, leggermente meno facile da farsi.

Ciononostante non proprio impossibile…
PodCleaner III

Per questa terza versione mi piacerebbe poter introdurre il concetto di “programma”, per cui si possono creare diverse trasmissioni, importare gli asset come le sigle, distacchi, le musiche di sottofondo, gli effetti sonori, in modo da poter creare un template per le singole puntate.

Ovviamente, necessariamente, questa versione dovrebbe consentire anche la possibilità di registrare l’audio.

E, naturalmente, come fanno già gli altri software, impostare dei marker durante la registrazione in modo da segnarsi eventuali errori che correzioni da fare.

PodCleaner IV

La quarta incarnazione di PodCleaner dovrebbe chiamarsi “PodCleaner workgroup”.

Immagino PodCleaner a questo punto come un sistema distribuito in cui le trasmissioni vengono registrate da più persone contemporaneamente, ognuna delle quali possiede una copia del programma

La persona che ha organizzato l’evento è il “master”, e una volta che il master fa partire la registrazione questa parte sui computer di tutti gli altri utenti.

Una volta della registrazione finisce, termina per tutti, e ogni utente, in automatico, effettua le elaborazioni di analisi e pulizia.

Puliti i file, questi vengono automaticamente caricati su un server e scaricati dal software del master, che, sempre automatico, li sincronizza, in modo da essere pronti per la fase di editing finale: tagliare in testa in coda ed eventuali errori, aggiungere le sigle ed esportare.

Credo che, per tutti quelli che realizzano trasmissioni condivise, sarebbe effettivamente uno strumento di aiuto eccezionale: la possibilità di gestire trasmissioni con la registrazione condivise con un singolo clic.

Fantascienza?

Forse sto correndo troppo, e, molto sicuramente, conoscendo me stesso e la base di utenti, finirò per non realizzare nessuna versione di PodCleaner successiva alla prima.

Quello che voglio dire è che avrei le conoscenze tecniche e le idee su come realizzare tutte queste versioni dell’applicazione che sto programmando in questi giorni.

L’unica cosa su cui non ho le idee molto chiare è la riduzione del rumore basata sulla trasformata di Fourier.

Il resto saprei farlo e saprei anche come farlo (e ci vorrebbe comunque un sacco di tempo per farlo).

Non so perché vi sto raccontando queste cose, solo forse perché mi piace un po’ sognare ad occhi aperti.

Forse perché sono solo molto, molto ambizioso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.