Archivi categoria: Video DiggaZ

Grazie.

Buongiorno a tutti,

chi mi conosce bene o mi segue un po’ sa che ieri sera sono andato in diretta live con l’ottava puntata della mia trasmissione musicale, MDB Summah Radio.

È stata la puntata con la più alta partecipazione di pubblico e con la più intensa interazione: anche dopo la trasmissione sono andato avanti per un sacco di tempo a chiacchierare in chat con tre o quattro di voi che mi commentavano alcuni pezzi e le scelte, ma soprattutto mi davano un grandissimo feedback.

Ho passato una settimana piuttosto brutta, piuttosto deprimente, e infatti ero abbastanza sicuro che avrei affrontato la puntata con meno energia rispetto a quella precedente, che, secondo me, è stata fino a ieri il massimo dal punto di vista della “potenza” complessiva, sia a livello di scelta musicale sia a livello di risposta del pubblico.

Mi ero comunque preparato abbastanza, soprattutto utilizzando SoundPOD, l’applicazione che mi sono scritto per gestire la diretta.

Devo dire che si è anche verificato un piccolo inconveniente con il microfono che ha fatto perdere circa 40 secondi dal mio parlato, ma questo è un non problema perché verrà risolto nella versione che metteremo a disposizione in streaming e in podcast.

Quello che più conta ed è più importante per me è che ieri sera è stata una puntata con talmente tanta energia tra voi del pubblico, che la sua conduzione mi ha davvero fatto venire il buonumore e mi ha fatto tornare un sacco di ottimismo, una cosa che non mi aspettavo, è che proprio, particolarmente ieri, avrei detto che non sarebbe mai successa.

Io continuo a dirlo, fare podcast per me (oddio, bisogna dire “trasmissioni radio” adesso) è un hobby, qualcosa che faccio e non capisco nemmeno io perché lo faccio, ma so che mi fa stare bene.

Come mi piace insegnare, mi piace fare queste cose, comunicare, anche se forse dentro di me sono piuttosto convinto di non essere un grande comunicatore, di avere anzi delle forti lacune dal punto di vista dell’interazione umana.

Quello che so, però, è che alla fine preparare le puntate di MDB Summah Radio, di Morti di bestemmie e di Techno Pillz mi fa stare bene, così come le mie compassate in altri podcast come Pillole di bit del buon Francesco Tucci e Videoludica.it ludica gestita dal gruppo dei quattro cavalieri dell’apocalisse.

Ho scritto tutte queste righe, tutte queste parole dettandole ovviamente a Siri, in coda in automobile, perché sentivo davvero la necessità di ringraziarvi.

Ho sempre pensato di essere un individualista, di essere una persona relativamente chiusa, e che si sta chiudendo sempre di più man mano che gli anni passano, ma una serata come quella di ieri mi ha fatto tornare il buonumore e se non la speranza in un mondo migliore, la speranza in un domani un po’ meno cupo.

Grazie amici, la puntata di ieri è stata bellissima, è per quello che mi avete dato vi prometto che andrò avanti finché non avrò più musica da farvi ascoltare (e dunque ne avrò ancora per un sacco di tempo, siete avvisati!), ve lo devo perché quello che ho preso ieri da voi è sicuramente mille volte più grande di quello che io potrò mai darvi.

Vi voglio davvero bene, vi stimo tutti quanti.

Grazie.

E adesso muovete il culo e andate a farci una bella recensione su iTunes!

VideoDiggaZ.com

Oggi (era ieri, ma fa niente) nasce VideoDiggaZ.com, significa che questo sito ha finalmente un nome di dominio decente, dopo soli 5 anni e quasi 800 articoli pubblicati (anche se più della metà sono #bignette del capo, ma fa niente…).

vdz.com-0-00-00-00

La cosa più figa (forse l’unico motivo per cui ho comprato la cosa, che era in offerta scontata del 60% su SeverPlan) è che finalmente posso personalizzare il tema, e i testi e le immagini vengono mostrate in modo più largo, il che, soprattutto per le #bignette, è una gran cosa!

Direi che d’ora in  avanti i contenuti che saranno creati verranno pubblicati di là, dunque se siete fan di questo sito, se ci seguite, se avete gli aggiornamenti automatici… Beh, andate su  VideoDiggaZ.com e ri-iscrivetevi.

Così dai!

“Il regista” | making of: parte 2

Dopo la prima inquadratura, che stabilisce la location della vicenda (New York), vediamo come si susseguono gli eventi del booktrailer.

cametti_29_booktrailer_taxi1

La seconda e la terza inquadratura, in totale rappresentano una scena unica, mostrano un taxi che si allontana dal centro per avvicinarsi verso una periferia sempre più scura, sempre meno illuminata dalle luci di Manhattan.

cametti_29_booktrailer_taxi2

Questa è realtà è una sorta di licenza poetica, perché in effetti, non avendo letto il libro, non sapevamo effettivamente se un taxi è presente nella vicenda, e in caso se si allontanasse dal centro.

Ho pensato però che poteva benissimo fungere da raccordo: New York è costellata di taxi e potevo sfruttare il movimento di uno di questi per rappresentare l’allontanamento dall’isola più famosa del mondo verso la periferia, non tanto dal punto di vista geografico quanto da quello emotivo; ci allontaniamo da una zona sicura per addentrarci verso le tenebre.

Dopo avere cercato in maniera più o meno sommaria il video di un taxi a New York, sui vari siti di stock, ho capito che non saremmo mai riusciti a trovare la giusta inquadratura, per cui abbiamo scelto di affrontare la cosa da un altro punto di vista, con un’altro approccio.

Abbiamo iniziato a cercare delle fotografie (in creative commons) che rappresentassero New York nella sua zona più famosa e celebre, per esempio Times Square, e poi anche una periferia.

8149641706_edb4d989d5_o

Parallelamente ci siamo mossi per trovare un modello tridimensionale di taxi da poter inserire all’interno di queste fotografie.

Ovviamente le fotografie di partenza erano a colori, e le abbiamo virate immediatamente al bianco e nero per poi aggiungere della grana digitale in modo da fondere video statico con dinamico.

Tra l’altro la grana è stata aggiunta in maniera piuttosto decisa proprio perché dovevamo simulare riprese al buio, dunque con alti guadagni.

Una volta posizionata la fotografia nell’inquadratura siamo passati alla creazione di una telecamera virtuale in modo da fare combaciare l’ambiente e 3D con quello 2D.

Comp 2 (0-00-01-11)

Il taxi in questione è un modello relativamente semplice, oserei dire quasi banale, e con una texture non particolarmente rifinita, motivo per cui abbiamo fatto sì che le ombre inghiottissero quasi del tutto il mezzo per nasconderne le imprecisioni.

8149641706_edb4d989d5_o_W04 (0-00-00-15)

 

 

 

8149641706_edb4d989d5_o_W02 (0-00-00-13)

Nel caso dell’inquadratura in cui il taxi si avvicina abbiamo aggiunto anche le luci dei fari è un lens flare per mascherare maggiormente il modello.

cametti_29_taxiGiallo (0-00-01-11)

Nell’inquadratura in cui il veicolo si allontana non solo abbiamo inserito il canale dell’illuminazione, ma anche generato delle particelle luminose in corrispondenza delle luci di posizione, un primo inizio della serie di strisce di sangue rosso che caratterizzeranno tutto il trailer da qui in avanti.

8149641706_edb4d989d5_o (0-00-00-19)

In modo particolare questa seconda scena prevedeva una fotografia in cui abbiamo dovuto cancellare il soggetto al centro per fornire una direzione percorribile da parte del taxi.

Un grosso incremento del realismo la scena è stato dato aggiungendo una sorgente luminosa esattamente in corrispondenza della luce inquadrata, in modo da rendere più realistico il comportamento dello shader del veicolo.

Schermata 2015-12-02 alle 17.34.30

Notare anche le luci proiettate sull’asfalto dai fari.

Dal punto di vista linguistico l’inquadratura in cui il taxi si avvicina prevede uno zoom all’indietro, la camera virtualmente si allontana dal centro.

E, nell’inquadratura subito successiva invece la camera segue il taxi zumando dentro l’inquadratura, ma questo avvicinamento si chiude con una dissolvenza al nero, un po’ come dire che stiamo seguendo l’auto che si allontana da Manhattan per arrivare in periferia, lontano dalla luce, tuffandosi nelle tenebre.

Vi riproporrei, tanto per fare un po’ di folklore, questa meravigliosa canzone di Bruce Springsteen.

Per questa volta credo che sia tutto, vorrei sottolineare ancora come, nonostante tutte queste inquadrature siano realizzate al 100% in post produzione, si sfruttano comunque i trucchi delle riprese reali, facendo uso dell’illuminazione per attirare l’attenzione dello spettatore verso alcuni elementi e nel contempo distrarlo da altri.

L’impianto stilistico, se non fosse per il bianco e nero, per certi versi vuole omaggiare questo meraviglioso video, realizzato da alcune delle persone che più ammiro nel mio settore: Nocturne, diretto da Vincent Laforet, Stu Maschwitz, and David Nelson:

Arrivederci tra pochi giorni, con altri dietro le quinte del nostro ultimo lavoro.